Posts Tagged ‘acqua’

L’OLIGOTERAPIA

01/06/2009

OligoterapiaL’oligoterapia è una pratica efficacissima, al punto di essere una strumento indispensabile per il naturopata.
Gli oligoelementi, sono fondamentali per la biochimica anche perché fanno parte degli enzimi.
Per una serie di fattori, si può verificare che l’oligoelemento di un enzima perda la sua funzionalità, diminuendo così l’efficacia di catalizzazione.
Il deficit enzimatico dovuto alla carenza dei metalli, detto ametallosi, porta squilibri che ingenerano patologie funzionali.
L’inattivazione di un oligoelemento viene descritta con un termine molto espressivo: “chelazione”, nome che nasce dalle chele, e suscita l’immagine di una morsa che blocca.
L’oligoterapia, detta anche terapia delle funzioni o terapia catalitica dechelante, ripristina il funzionamento deglienzimi.
Quando si parla di oligoelementi nel linguaggio comune s’intendono gli oligoterapici che sono composti da una base, detta trasportatore, in cui è diluita una quantità minima di oligoelemento.
Per questo, inoltre, anche se alcuni oligoelementi sono tossici, come il litio, l’oligoterapia non può provocare intossicazione o effetti collaterali.
Un aspetto importante è la stretta relazione tra oligoelementi e diatesi.
Quest’ultima è una sorta di fotografia della struttura energetica dell’individuo, costruita sulla scorta delle sue caratteristiche costituzionali (la sua struttura energetica specifica) e della situazione attuale.
Ci sono cinque diatesi, e ad ognuna corrisponde un oligoelemento (o gruppo di oligoelementi).

Altre forme

Oltre a quella classica ci sono altre forme di oligoterapia, in particolare la litoterapia che usa molecole di rocce. In alcuni casi può essere un sostituto, ma ha anche molte indicazioni specifiche, come il trattamento delle patologie da raffreddamento e dell’influenza.

Oligoterapia


Nel nostro organismo sono presenti vari minerali e metalli che si possono suddividere in 2 categorie a seconda della loro concentrazione: oligoelementi, p.es. nichel, e macroelementi, p.es. calcio).

Gli oligoelementi
I minerali presenti in concentrazioni ridotte sono denominati oligoelementi (dal greco “oligos” poco), cioè elementi presenti in tracce

Le 4 diatesi


Il medico francese Jacques Ménétrier, considerato il padre di questa disciplina, negli anni 1930 identificò 4 terreni organici associati ad alcuni oligoelementi, che definì diatesi. Queste diatesi corrispondono a condizioni dell’organismo caratterizzate da componenti fisiche, intellettuali ed emotive specifiche e proprie del soggetto. Le 4 categorie sono suddivisibili in diatesi di nascita (le prime 2) e in diatesi involutive (la 3a e la 4a), caratterizzate da un deterioramento del terreno cellulare causato da un cattivo stile di vita e/o dall’invecchiamento.
1) Diatesi allergica o artritica (Mn): è associata all’elemento manganese.
2) Diatesi ipostenica o artrotubercolotica (Mn-Cu): è associata a manganese-rame
3) Diatesi distonica o neuro-artritica (Mn-Co): è associata a manganese-cobalto
4) Diatesi anergica (Cu-Au-Ag): è associata a rame-oro-argento,

Assunzione
I rimedi sopra elencati per le 4 diatesi si presentano in forma di soluzione in fiale da mantenere sotto la lingua per almeno 1 minuto, così da permettere alla soluzione di entrare direttamente nel circolo sanguigno attraverso la vascolarizzazione della lingua, dopodiché possono venire deglutiti (preferibile) o sputati. A causa dell’elevata reattività degli oligoelementi, prima e dopo l’assunzione (per 15 minuti) è importante non bere, non mangiare, non fumare, non lavarsi i denti e in generale non introdurre in bocca alcuna sostanza che possa interferire con il loro assorbimento tramite la mucosa sublinguale.

Annunci

Aloe : la pianta della VITA

30/05/2009

Uso

L’uso dell’aloe è molto antico, come testimoniato dal testo cuneiforme di alcune tavolette d’argilla ritrovate sul finire dell’Ottocento da un gruppo di archeologi nella città mesopotamica di Nippur, nei pressi di BagdadIraq, Lo studio sistematico di questa pianta tuttavia iniziò solo nel 1959. Parallelamente il governo americano dichiarò ufficialmente le proprietà curative di questa pianta per il trattamento delle ustioni. Da un punto di vista chimico, si possono distinguere tre grandi classi di componenti nell’aloe: gli zuccheri complessi –  gel trasparente interno –antrachinoni nella parte verde coriacea della foglia, ad azione fortemente lassativa, e svariate altre sostanze di grande valore nutritivo, antinfiammatorio, antimicotico, analgesico, come sali minerali, vitamine, aminoacidi, acidi organici, fosfolipidienzimi, lignine e saponine.

aloe veraSpecie

Queste sono le specie più comuni di Aloe.

Aloe angelica, Aloe arborescens, Aloe aristata, Aloe barberae, Aloe brevifolia, Aloe castanea, Aloe ciliaris, Aloe comosa, Aloe dinteri, Aloe distans, Aloe excelsa, Aloe ferox, Aloe glauca, Aloe humilis, Aloe khamiensis, Aloe longistyla, Aloe maculata, Aloe mitriformis, Aloe nobilis, Aloe perryi, Aloe pictifolia, Aloe pillansii, Aloe plicatilis, Aloe polyphylla, Aloe pratensis, Aloe ramosissima, Aloe saponaria, Aloe speciosa, Aloe squarrosa, Aloe striata, Aloe tauri, Aloe variegata, Aloe vera, Aloe zebrina

Proprietà medicinali

Esistono in natura oltre 170 varietà di piante di Aloe ma solo l’ Aloe Barbadensis Miller meglio conosciuta come Aloe Vera, da oltre 2000 anni viene utilizzata per le sue proprietà curative utili all’ uomo, grazie alla sua particolarissima composizione biochimica.

  • Aloe Vera potenzia e riattiva le difese immunitarie Acemannano
  • Aloe Vera disintossica e depura l’organismo
  • Aloe Vera e’ un potente antinfiammatorio
  • Aloe Vera è un coagulante e cicatrizzante
  • Aloe Vera è un antibiotico naturale
  • Aloe Vera ha proprietà antibatteriche
  • Aloe Vera ha proprietà Antinvecchiamento
  • Aloe Vera rigenera le cellule
  • Aloe Vera idrata i tessuti
  • Aloe Vera è antipiretico
  • Aloe Vera è un anestetico, attutisce ogni dolore
  • Aloe Vera è un equilibratore intestinale sia in caso di dissenteria che di stitichezza
  • Aloe Vera è un alimento altamente nutritivo
  • Aloe Vera stimola la produzione di endorfine ed esercita un’azione antidolorifica ed analgesica
  • Aloe Vera ha uno spiccato effetto ipoglicemico e contribuisce alla risoluzione di svariate complicanza del diabete

Aloe Vera stimola il metabolismo e la crescita cellulare.

IDROTERAPIA

29/05/2009

idroterapiaL’Idroterapia è un termine che indica sistemi di cura basati sull’acqua, mediante l’applicazione sul corpo umano di stimoli i cui effetti terapeutici sono dovuti all’azione termica e meccanica esercitata dell’acqua comune sull’organismo umano. E ciò avviene perché il nostro stesso organismo è composto per la maggior parte di acqua, infatti è risaputo che un uomo può rimanere diversi giorni senza mangiare, ma non può resistere senza bere. L’idroterapia nella storia antica Già gli Egizi attribuivano grande importanza a diverse misure igieniche(alimentazione sana, scelta del vestiario,…).

Le donne dei Macedoni si bagnavano con acqua fredda dopo aver partorito e nei canti omerici si perla dei riti di purificazione con l’acqua per entrare nel tempio di Esculapio. Pitagora raccomandava ai propri discepoli la pratica dei bagni freddi e la dieta vegetariana.

Principali forme di Idroterapia Bagno:

• Freddo

• Raffreddato

• Caldo

• Caldissimo

Bagno parziale può riguardare le braccia e i piedi oppure il bacino e la parte inferiore dell’addome fino all’ombelico. Il Bagno viene detto:

• di vapore

• idro-elettrico

• medicato

Doccia

La Doccia si ritiene la miglior forma di idroterapia, poiché il rinnovarsi incessante dell’acqua che giunge a contatto del corpo fa si che gli stimoli meccanici e termici si ripetano senza tregua. Le docce fredde(10°-14°)aumentano il tono del sistema neuro-vegetativo, attivano il ricambio organico e temprano l’organismo contro le oscillazioni della temperatura ambientale. Mentre le docce calde(30°-35°)sono benefiche per la loro azione sedativa sul sistema nervoso in generale. Impacchi Gli impacchi consistono in una pratica terapeutica che utilizza panni imbevuti ai acqua calda o fredda, da avvolgere attorno alla parti del corpo o a tutto il corpo con la sovrapposizione di una coperta di lana a scopo coibente.

Possono essere:

• semplici con solo acqua

• senapati

INTOLLERANZE ALIMENTARI

28/05/2009

intolleranza alimentareL’intolleranza alimentare è considerata una reazione avversa agli alimenti, causata da:

 –       un difetto digestivo dovuto a carenze enzimatiche, con conseguente accumulo intestinale di macromolecole

–       una risposta immunitaria, con produzione d‘immunoglobuline di tipo G (IgG) verso queste macromolecole accumulate.

Per questo motivo tale fenomeno può essere definito un’allergia alimentare ritardata IgG-mediata.

In condizioni fisiologiche gli alimenti ingeriti vengono assorbiti lungo il tratto gastrointestinale.

 Diverse ricerche scientifiche hanno dimostrato il collegamento tra disfunzioni della barriera intestinale, l’insorgenza di intolleranze alimentari e un’ anomala risposta immunitaria di questo tratto.

 Tali disfunzioni possono essere causate da molteplici fattori :

 –       l’utilizzo di farmaci antinfiammatori che causano stress ossidativo, danneggiando le cellule epiteliali intestinali e aumentando di conseguenza la permeabilità della mucosa.

–       agenti patogeni, tossine ed altre sostanze come le spezie che inducono alterazioni della permeabilità di membrana verso ioni e macromolecole

–       infezioni da Helicobacter Pilori, il batterio responsabile di ulcera duodenale, che riduce la produzione di muco e altera la flora intestinale, favorendo così le intolleranze alimentari.

–       il contatto tra un particolare allergene e il tratto digestivo (in soggetti allergici) che aumenta la permeabilità verso alcune macromolecole.

–       la contaminazione del cibo ad opera di insetticidi, diserbanti e fitofarmaci usati nella coltivazione di prodottialimentari.

Il bosco del Silenzio

21/05/2009

langheIL BOSCO del silenzio è pieno di rumori: ci sono tutti, proprio tutti, quelli che non siamo più abituati ad ascoltare, dallo stormir di fronde degli alberi secolari al cinguettio dei fringuelli fino al suono delle campane dei paesi che visti dall’alto di quella collina di Langa sembrano così vicini.

link : http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/ambiente/bosco-silenzio/bosco-silenzio/bosco-silenzio.html

E’ meglio l’acqua del rubinetto

12/05/2009

rubinettoNel 2003 una serie di inchieste di cui era titolare il procuratore aggiunto di Torino Raffaele Guariniello accertavano contenuti di idrocarburi al benzene in quantità 10 volte superiore alla media su alcune acque minerali. Alcune fonti vennero chiuse dopo la scoperta di sostanze nocive nelle bottiglie destinate al commercio. In questo clima di scandali il ministero, per salvare o non disturbare il mercato, varò in piene festività natalizie(29 dicembre 2003) un decreto che innalzava la soglia di tolleranza per molti degli inquinanti trovati nelle minerali(tra i quali tensioattivi, oli minerali, antiparassitari, idrocarburi) facendo rientrare molte industrie dell’acqua imbottigliata , come per magia, nella legalità. Il decreto consentiva inoltre, per far rientrare nei limiti di legge le minerali con eccesso di arsenico o manganese, di abbassarne le quantità tramite un trattamento di ozonizzazione, ossia tramite l’uso di ozono.Un procedimento che potrebbe dar luogo a sostanze indesiderate, più pericolose di quelle che si intende limitare (i bromati, una di queste sostanze, sono fortemente cancerogeni).

Premesso questo noi consigliamo di bere l’acqua dal rubinetto, che, anche se ogni tanto si sente il sapore del cloro, è la più sicura  in quanto:

  • Costa meno di 1 euro ogni 1000 litri circa , quella minerale ha un costo da 200 a 1000 volte superiore
  • Non lascia imballaggi inquinanti, esce solamente fuori dal rubinetto. L’acqua minerale ogni 2 litri d’acqua bisogna smaltire 1 bottiglia di plastica o vetro (che speriamo almeno vengano riciclate)
  • subisce controlli molto più frequenti e più dettagliati rispetto all’acqua in bottiglia
  • i limiti di legge di contaminanti sono più severi delle acque minerali

Qualora il cloro fosse troppo insopportabile come sapore e non ci si fidasse abbastanza è possibile utilizzare impianti domestici di filtraggio che possono costare mediamente sui 1000 euro; un po’ meno pratiche le caraffe di filtraggio acqua in vendita un po’ in tutti i supermercati a meno di 50 euro.

Beh, conviene alla salute ed alla tasca.